“L'attività del progettare implica un percorso che, prendendo avvio dai dati del presente, orienta verso il futuro un complesso di azioni consapevoli, aventi lo scopo di preparare e realizzare una configurazione diversa della realtà presa in esame. Se assumiamo questo punto di partenza come possibile, dobbiamo anche convenire che un buon progetto non può essere pensato a priori, senza il sostegno di elementi attuali, e non può essere realizzato in qualunque situazione educativa, ancorché presenti caratteristiche simili e confrontabili con altre già sperimentate precedentemente.”

Gruppo Nazionale ANUPI (a cura di), Formenti, L. (2006). Psicomotricità. Educazione e prevenzione. Erickson: Trento


Il verbo progettare deriva dal latino «proicere» che significa «mettere innanzi». Il vocabolario della lingua italiana Zingarelli indica il significato di progettare come: «immaginare, ideare qualcosa e proporre il modo di attuarla». Elaborare un progetto è un’attività cognitiva ed operativa diretta a «trasformare situazioni esistenti in situazioni desiderate o immaginate».
Si tratta di individuare, esplicitare e descrivere i cambiamenti attesi in relazione ad atteggiamenti, comportamenti, abilità e conoscenze dei singoli e/o delle organizzazioni su cui si intende intervenire. E vuol dire anche selezionare e predisporre gli strumenti, i metodi e i percorsi più idonei per ottenere i risultati auspicati. Allo stesso tempo, poi, bisogna tenere conto delle risorse umane, finanziarie, strutturali e tecnologiche di cui si dispone e/o che occorre reperire. Inoltre, è importante impostare, già in fase di progettazione, dei sistemi di monitoraggio, controllo e valutazione delle attività per analizzare i risultati auspicati ed anche quelli non attesi e imprevisti. La valutazione serve per imparare dall’esperienza e per usare gli insegnamenti appresi nel migliorare le attività in corso, elaborando una pianificazione migliore degli interventi futuri.

A., De Santi, R., Guerra e P., Morosini (a cura di), (2008). La promozione della salute nelle scuole: obiettivi di insegnamento e competenze comuni. Istituto Superiore di Sanità, Roma

***

La mentalità progettuale orienta l’evoluzione del CPS-P a conferma di quanto sopra; il settore maggiormente attenzionato è quello giovanile ed è inserito in una prospettiva che è diventata europea dal 2018.

A titolo di esempio, in Progetti scuola e sport sono elencate le attività realizzate più rilevanti, quelle in progress verranno pubblicate man mano.