Ricordati di dimenticare la pauraSelezione a cura di M. Sassi - Ricordati di dimenticare la paura, di N. Campriani, Mondadori (2013)

Pagg. 169-70


Chiamano in pedana gli otto finalisti. Ci presentano al pubblico e quando lo speaker pronuncia il mio nome faccio un sorriso enorme, immotivato, verso gli spalti.
Etzel, in una delle nostre ultime conversazioni, mi aveva sfidato: «Ti svelo un trucco fondamentale» mi aveva detto. Io non aspettavo altro. «Se vuoi che tutto vada bene, ricordati di sorridere al momento giusto.» Non capivo. «Ci sono dei gesti, delle espressioni che sono più forti della nostra volontà. Il sorriso è uno di questi. Se quando ti chiamano in pedana per una finale alzi il braccio e fai un sorriso sincero, bello, rilassato, vedrai che la positività di quel gesto finirà per farti stare meglio e ti sentirai allegro e rilassato anche tu.»
Ero scettico.
«Tu provaci e vedrai. Certo, devi essere lucido e freddo, In certi momenti, se hai paura non ti viene da sorridere, non te lo ricordi. Anzi, pensi di non essertene ricordato, in realtà ti sei rifiutato. Ma se ti ricordi di sorridere, be’, allora è fatta.»
E io me lo sono ricordato, prof. Hai visto? Hai visto che bel sorriso ti ho fatto? Era tutto per te. E la sai una cosa? Un po’ funziona.

 

👉 NICCOLÒ CAMPRIANI, è nato a Firenze nel 1987. Laureatosi in ingegneria manageriale all'università di Morgantown (West Virginia), attualmente frequenta un master in ingegneria dello sport a Sheffield. Alle Olimpiadi di Londra 2012 ha vinto la medaglia d'oro per la carabina 3 posizioni e quella d'argento per la carabina ad aria compressa.
Insieme a Marco Mensurati ha scritto Ricordati di dimenticare la paura (Mondadori, 2013).

 

fonte: ibs